News dallo SportTorna alle news

23 mag 2016

Fuori le mafie dagli stadi, bene l’accordo Governo-FIGC

Pugno duro contro le mafie presenti nel calcio, soprattutto in tema di match-fixing e parere più che favorevole all’accordo delle ultime ore tra Governo e Figc sul tema in questione. Ne ha parlato recentemente l’on. Daniela Sbrollini, responsabile Sport e Welfare del Partito Democratico in un comunicato stampa ufficiale

Un protocollo per la prevenzione dall’infiltrazione mafiosa nelle società di calcio professionistiche e negli stadi, é una bellissima notizia che porta il nostro calcio all’avanguardia a livello europeo e mondiale nel combattere le infiltrazioni della criminalità organizzata negli stadi . Va dato merito al presidente della Figc Carlo Tavecchio e al Ministro dell’interno Angelino Alfano per aver sottoscritto un documento importantissimo che segna un nuovo passo in avanti nella lotta alla criminalità organizzata. 

Bisogna scommettere sulla maggioranza dei tifosi italiani che sono la parte sana della passione per il calcio, Questo impegno deve necessariamente accompagnarsi con l’ammodernamento degli impianti sportivi che grazie ad uno sforzo congiunto tra i comuni e le leghe professionistiche deve prevedere un miglioramento della fruizione dello spettacolo calcistico.

In molti stadi italiani sono già state tolte le barriere ed ovunque questa sperimentazione premiante per i tifosi ha funzionato, è un fatto dì crescita culturale, sicuramente potranno esserci casi spiacevoli all’inizio ma con un efficace sistema di sanzioni sono sicura che ci sia abituerà ad osservare comportamenti corretti simili a quelli degli altri grandi campionati europei. E’ tempo di premiare i tifosi corretti che vogliono assistere nel migliore dei modi allo spettacolo del nostro calcio.

Il dati del Governo indicano che nell’ultima stagione calcistica c’è stato un calo del 38,8% degli incontri con feriti rispetto alla passata stagione, un calo del 17,2% dei feriti tra le forze dell’ordine e del 42,8% dei feriti civili, e meno 11% sulle persone arrestate.

Il calcio italiano sta migliorando sempre di più, ed è fondamentale che dal calcio, seguito dal oltre 20 milioni di italiani, partano questi importanti segnali educativi di lotta alla criminalità.

Fonte: SportEconomy.it